[REQ_ERR: 403] [KTrafficClient] Something is wrong. Enable debug mode to see the reason. Il metabolismo basso – Organic Store

Il metabolismo basso

Avrei potuto chiamare questo articolo “il mito del mangione”. Molte persone sono convinte del fatto che esistano soggetti che mangiano tantissimo senza ingrassare, di solito sono le stesse che pensano che il loro sovrappeso sia causato da una disfunzione metabolica, dal “metabolismo basso”, e che quindi non ci possono fare nulla.

In questo articolo voglio spiegare una volta per tutte la fondatezza di queste affermazioni, in particolare considerando:

  • cosa dice la scienza riguardo all’esistenza del “metabolismo basso”, ovvero la variabilità del metabolismo;
  • come mai nasce il mito del mangione, ovvero perché molti percepiscono una così notevole differenza quantitativa tra quello che mangiano loro e quello che mangiano gli altri (i mangioni).

Consiglio di seguire l’articolo fino in fondo, poiché se ne scopriranno delle belle!

Il metabolismo basso esiste?

Metabolismo basso

Per affrontare l’argomento metabolismo basso in modo scientifico bisogna partire definendo il concetto di metabolismo. Il consumo calorico totale di un individuo viene suddiviso in:

  1. metabolismo basale: il consumo calorico a totale riposo nelle 24 ore;
  2. termogenesi indotta dalla dieta: il consumo calorico dovuto alla digestione degli alimenti;
  3. consumo di attività: il dispendio energetico dell’attivià fisica.

Il concetto di “metabolismo basso” è legato al punto a), poiché tutti sanno che facendo attività fisica si consuma di più (punto c), infatti il mito del mangione è spesso svincolato dall’attività fisica (“non fa sport, mangia tanto ed è magrissimo!”).

Il metabolsimo basale di un adulto è quindi determinato dal peso e dalla composizione corporea, oltre che dall’età e dal sesso. Gli uomini hanno generalmente una massa magra maggiore di quella delle donne. Con l’avanzare dell’età, sia nell’uomo che nella donna, si verifica una progressiva perdita di massa magra ed un aumento del grasso corporeo. Di conseguenza, il metabolsimo basale per kg di peso corporeo è più basso nelle donne rispetto agli uomini e declina nell’anziano.”